BLOG‎ > ‎

2014: un bilancio in chiaroscuro

pubblicato 23 dic 2014, 14:22 da SnodiAPS Mediazione Umanistica dei Conflitti   [ aggiornato in data 23 dic 2014, 14:26 ]


Si chiudono i riflettori sul 2014 di Snodi, un anno ricco di esperienze, di grandi e inaspettati traguardi, ma anche di un insieme di luci ed ombre.


Il 2015 si apre con tanti interrogativi ancora aperti e sui quali occorrerà creatività e pazienza per trovare le giuste risposte per l'attività dell'associazione.


Dicevamo del 2014 per certi versi entusiasmante con la partecipazione alla fiera Fa' la cosa giusta con la gestione di uno stand e del laboratorio di preparazione all'incontro di Gherardo Colombo; oppure con il contributo sull’esperienza degli incontri di autoformazione all'interno del ConvegnoMondiale di Mediazione a Genova. Il tutto, in aggiunta alla proposta e alla gestione di stage e momenti formativi che hanno punteggiato l'anno uscente.

Abbiamo potuto contare su un numero di soci importante con tante conferme e altrettante nuovi ingressi e sperimentato modalità diverse di incontro, come ad esempio il collaudo riuscito delle autoformazioni a tema.


È stato anche un anno di fatiche dove la crisi economica e il surplus di offerta formativa disponibile sul mercato hanno reso complicata l'affluenza agli stage formativi, in alcune occasioni rimandati o annullati proprio per non aver raggiunto il numero minimo di iscritti.

L'associazione si è interrogata parecchio su questo dato di fatto. Oltre ai due elementi citati, probabilmente stiamo facendo i conti con una legislazione inerente la mediazione ancora poco chiara e che non è andata nella direzione sperata. Diverse persone stanno preferendo investimenti formativi sulla negoziazione in alternativa alla mediazione, considerando proprio la negoziazione come un istituto maggiormente vicino alle possibilità lavorative e alle porte offerte dalla normativa.


Se consideriamo poi lo specifico della mediazione umanistica, caratterizzata da una ricerca personale profonda e poco dalla garanzia degli esiti del processo mediativo rispetto alla formulazione degli accordi, possiamo capire come il mercato non premi la proposta di percorsi di questo tipo sui quali, tra l'altro, ancora non esiste una definizione precisa dei titoli formativi.


Probabilmente questa situazione complessiva ci deve stimolare ad interrogarci sull'identità dell'associazione e quindi anche sull'insieme delle proposte e delle attività per i prossimi anni. Proposte che cercano di mettere insieme tutti questi elementi in modo organico e sui quali già si intravedono alcune ipotesi di lavoro:


-percorsi strutturati che comprendono un pacchetto di lavoro e non eventi occasionali


-autoformazioni a tema o collegate ad esperienze progettuali di mediazione


-definizione di criteri per ottenere una certificazione come mediatore e poter collaborare in questa veste all'attività degli incontri di mediazione richiesti a Snodi


-progettazioni sul territorio a parire dell'attività di sensibilizzazione alla mediazione


Ci prendiamo ancora qualche settimana prima di uscire con la programmazione delle attività per il 2015.


Un grazie a tutti, in particolare ai soci che hanno sostenuto l’associazione con fiducia e partecipazione.


Buon feste


Snodi

Ċ
SnodiAPS Mediazione Umanistica dei Conflitti,
23 dic 2014, 14:22
Comments